Andasol 1, elettricità con il solare termico in Spagna

By redazione | ottobre 8, 2008

La più grande centrale solare termica ad accumulo del mondo sta per iniziare la produzione in Spagna
Una centrale da 50 MW che funzionerà anche di notte

In Andalusia, Spagna, entrerà in funzione entro poche settimane Andasol  1, un impianto di generazione elettrica da 50 MW funzionante con il principio del solare termico ad accumulo, di tipo “parabolic through”.

Il calore in eccesso prodotto dai 510.000 metri quadri di collettori del campo solare, e che quindi non verrà utilizzato immediatamente per la produzione di energia elettrica, verrà accumulato in 28.500 tonnellate di sali fusi, in maniera da poter produrre vapore per attivare le turbine anche dopo il tramonto, o in assenza di sole, con un autonomia di circa 7,5 ore.

L'impianto di generazione elettrica solare Andasol 1 - Solar Millennium AG

Andasol 1 - Solar Millennium AG

L’impianto raccoglie l’energia solare incidente attraverso un sistema di specchi parabolici lineari che riscaldano olio minerale alla temperatura di circa 400 °C.

Andasol 1 è stato costruito  vicino a Guadix, nella provincia di Granada, ed è solo il primo di tre impianti simili in programma, per una potenza totale complessiva di 150 MW elettrici.

Il progetto è stato sviluppato dall’azienda tedesca Solar Millennium AG, ed è di proprietà di Solar Millennium e degli spagnoli del Gruppo ACS/Cobra.

La costruzione è iniziata nel 2006 ed il capitale investito è di circa 310 milioni di Euro.

La centrale produrrà circa 179 GWh/anno di energia elettrica, che potrà coprire il fabbisogno di circa 50.000 case e 200.000 persone.

Concentratore parabolico durante il montaggio - Solar Millennium AG

Concentratore parabolico durante il montaggio - Gollmer/Solar Millennium AG

Secondo gli sviluppatori del progetto l’energia elettrica prodotta costerà l’11% in meno rispetto ad un impianto simile senza accumulo, il che, per la regolamentazione spagnola, corrisponde ad una differenza di circa 24 milioni di euro all’anno.

Il campo solare è realizzato con specchi parabolici lineari che concentrano l’energia solare su un tubo all’interno del quale scorre l’olio, per una lunghezza complessiva  24 Km. L’olio riscalda il vapore che aziona la turbina del generatore elettrico.
A causa del sovradimensionamento dell’impianto (circa il doppio di quanto sia necessario per la turbina) viene prodotto un eccesso di calore che è accumulato in due serbatoi (ciascuno di 14 m di altezza per 36 di diametro) isolati termicamente contenente sali fusi di potassio e nitrato di sodio.

Lascia un commento

Nome:

E-Mail :

Website :

Commenti :